Piazza Cittadella.

Anticamente chiamata "piazza di Poggio", dalla famiglia che qui aveva le sue case, si chiamò poi "piazza del Grano", fino ad assumere l'attuale denominazione dalla famiglia Cittadella, il cui palazzo, ex Orsetti, si affaccia su questa piazza.

I Cittadella erano una famiglia di grossi proprietari terrieri nella zona di Ciciana, e agli inizi del secolo XV si chiamavano Jacopi. Jacopo Jacopi di Pietro capitano della "Cittadella" voluta da Paolo Guinigi a difesa del suo potere, colse con molto buonsenso il vento che spirava nel 1430, quando poi Paolo Guinigi sarebbe caduto, e consegnò la fortezza alla Repubblica da poco ricostituita, in cambio di onori e privilegi.

Poco tempo dopo cambiò il suo nome da Jacopi a Cittadella. Da allora fu una famiglia in vista, i cui membri ricoprirono importanti cariche: Anziani, Ambasciatori e Gonfaloni. Attorno al 1700 si celebrò il matrimonio di un Cittadella con Luisa Castrucci: fu il congiungimento di due importanti famiglie lucchesi che garantì continuità di potere e cariche alla famiglia Cittadella. Personalità di spicco anche al tempo dei Baciocchi, sono anche menzionati due volte nel "Libro d'oro" di Carlo Ludovico nella classe dei Patrizi. Carlo Ludovico in persona conferì loro nel 1837 titolo e dignità di marchese. La famiglia si estinse il 12 Aprile 1896 con la morte dell'ultimo membro, Enrico.

Al centro della piazza è presente il monumento a Giacomo Puccini.